Dic 31 2011

Auguri a tutti e buon 2012!!!!

Category: Linux,Ubuntuadmin @ 16:04

Lo staff PS3LAB, augura a tutti i suoi lettori un buon anno, che possa portare felicità, benessere e tutto quello che desideriate.


Dic 31 2011

Invoicex su Ubuntu 10.04

Category: Linux,Ubuntuadmin @ 16:01

Invoicex è un software di Fatturazione realizzato dalla società TNX.
È un programma intuitivo e facile da usare, senza costi di licenza nella versione Base (Open Source) e senza limiti di installazioni nelle versioni Professional, Professional Plus ed Enterprise.
Completo di tutte le funzionalità per l’amministrazione di piccole e medie aziende, liberi professionisti, artigiani e chiunque abbia necessità di emettere fatture e mantenere un magazzino.
Ideale per chi lavora in regime di contabilità semplificata e si affida ad un commercialista per il bilancio finale.
La sua natura Open Source lo rende flessibile e personalizzabile, inoltre è programmato in JAVA, una tecnologia standard e matura che lo rende stabile e multipiattaforma.

Per scaricare la versione Base di Invoicex o acquistare le versioni a pagamento Clicca qui

Ps: prima di installare invoicex è necessario avere installato Java.

Home


Dic 31 2011

Installare Wink su Ubuntu 10.04 32 bit

Category: Linux,Ubuntuadmin @ 15:53

Per installare Wink su Ubuntu 10.04 a 32 bit bisogna scaricare il programma da qui, salvarlo sulla scrivania e fare tasto destro su di esso e poi Estrai qui,ora avviamo il terminale e digitiamo:

cd Scrivania
cd wink
sudo ./installer.sh

In caso che ci dia questo errore  libexpat.so.0 mancante durante l’installazione procede nel seguente modo:

cd /lib
sudo ln libexpat.so.1 libexpat.so.0

e poi rilanciare il comando sudo ./installer.sh nella cartella di wink.


Dic 31 2011

Gparted 0.11.0 su Ubuntu 10.04 e 11.10

Category: Linux,Ubuntuadmin @ 15:46

Trovate l’ultima versione di gparted compilata da me

Per Ubuntu 10.04 lucid:

Gparted 10.04 32 bit

Gparted 10.04 64 bit

Per Ubuntu 11.10 oneiric:

Gparted 11.10 32 bit

Gparted 11.10 64 bit

Se su ubuntu 10.04 vi da un errore e non si avvia modificate il collegamento cosi:

gksu /usr/sbin/gparted %f

Per conoscere  le novità di Gparted 0.11.0 Clicca Qui


Dic 29 2011

Thunderbird 9.0 Su Ubuntu 10.04 – 10.10 – 11.04

Category: Linux,Ubuntuadmin @ 23:31

Thunderbird 9.0 si basa sul nuovo Mozilla Gecko 9 e aggiunge un nuovo sistema opt-in con il quale l’utente può inviare i dettagli sulle prestazioni e usabilità di thunderbird utile al team di sviluppo per migliorare le future versioni di thunderbird. Il nuovo thunderbird 9.0 aggiunge il supporto per Personas con il quale possiamo personalizzare il tema del nostro client email e migliora la gestione degli allegati.

Per installare Thunderbird 9.0 su ubuntu 10.04 – 10.10 – 11.04, avviamo il terminale e digitiamo:

sudo add-apt-repository ppa:mozillateam/thunderbird-stable
sudo apt-get update
sudo apt-get install thunderbird thunderbird-locale-it

Installare lingua Italiana: Per installare la lingua italiana, dovete scaricare l’estensione, installarla e riavviare il programma

Thunderbird 9.0 italiano 32bit
Thunderbird 9.0 italiano 64bit

Al termine dell’installazione trovate l’applicazione nel menù: Applicazioni–>Internet->Thunderbird

Home


Dic 29 2011

Firefox 9.0.1 Su Ubuntu 10.04 – 10.10

Category: Linux,Ubuntuadmin @ 23:22

Tra le novità che arrivano su Firefox 9.0.1 troviamo migliorate le performance in JavaScript,aggiunto il supporto per l’esecuzione di querying doNotTrack tramite JavaScript,aggiunto il supporto per font-stretch,migliorato il supporto per il testo di overflow, migliorato il supporto per gli standard HTML5, MathML, e CSS.

Per conoscere  le novità di Firefox 9.0.1 Clicca Qui

Per installare Firefox 9.0.1 su ubuntu 10.04 – 10.10, avviamo il terminale e digitiamo:

sudo add-apt-repository ppa:mozillateam/firefox-stable
sudo apt-get update
sudo apt-get install firefox language-pack-it language-pack-it-base

Al termine dell’installazione trovate l’applicazione nel menù: Applicazioni–>Internet->Firefox


Dic 18 2011

Modificare un pacchetto DEB Su Ubuntu 10.04

Category: Linux,Ubuntuadmin @ 16:40

Può capitare di trovarsi alle prese con un pacchetto DEB a cui necessitano modifiche manuali. Per esempio una dipendenza mancante.
La procedura di estrazione, modifica e rigenerazione di un DEB è molto semplice.

Ecco la procedura manuale Estrarre, Editare, Ricostruire un pacchetto deb :

mkdir NUOVA_DIR
dpkg -e PACCHETTO.deb ./NUOVA_DIR/
dpkg -x PACCHETTO.deb ./NUOVA_DIR/
cd NUOVA_DIR/
gedit control
mkdir DEBIAN
mv control md5sums DEBIAN/
cd ..
dpkg -b NUOVA_DIR


Dic 11 2011

Cifrare i dati nella cartella Home su Ubuntu 10.04 – 10.10

Category: Linux,Ubuntuadmin @ 16:14

Durante l’installazione Ubuntu permette di cifrare i dati personali archiviati nella cartella Home.Tale caratteristica è attivabile durante l’installazione di ubuntu per l’utente principale del computer, selezionando l’opportuna voce quando si inseriscono i dati personali.

Per gli altri utenti è possibile procedere nel seguente modo:

Opzione 1: Cartella Private Criptata

Opzione 2: Intera Home Criptata.

1) Cartella Private Criptata

Avviamo il terminale e digitiamo:

sudo apt-get install ecryptfs-utils
ecryptfs-setup-private

a video comprarià questo:

Enter your login passphrase:
Enter your mount passphrase [leave blank to generate one]:
Enter your mount passphrase (again):

************************************************************************
YOU SHOULD RECORD YOUR MOUNT PASSPHRASE AND STORE IN A SAFE LOCATION:
THIS WILL BE REQUIRED IF YOU NEED TO RECOVER YOUR DATA AT A LATER TIME.
************************************************************************
Warning: Using default salt value (undefined in ~/.ecryptfsrc)
Warning: Using default salt value (undefined in ~/.ecryptfsrc)

Done configuring.

Testing mount/write/umount/read...
Testing succeeded.

Logout, and log back in to begin using your encrypted directory.

quando richiesto inserire la propria password d’accesso,subito dopo inserire una password per montare la cartella cifrata,oppure non inserire nulla per far generare la password al programma.Una volta compiuti tali passi,è necessario riavviare il sistema per fare in modo che la directory Private  sia effettivamente usata.

2)Intera Home Criptata.

Avviamo il terminale e digitiamo:

sudo apt-get install ecryptfs-utils
sudo adduser --encrypt-home NOMEUTENTE

(Dove “NOMEUTENTE” è il nome dell account che si vuole creare)
Quando richiesto inserire la password per l’utente,il nome reale e le altre informazioni.

PS: Per attivare la home criptata, avviamo il  terminale:

Su - NOMEUTENTE

e inserire la password di accesso di NOMEUTENTE,una volta eseguito l’accesso è sufficiente chiudere la finestra  del terminale.Gli accessi successivi potranno essere eseguiti con la modalità normale.


Dic 10 2011

Nascondere un file dentro un’immagine con Steghide su Ubuntu 10.04

Category: Linux,Ubuntuadmin @ 02:13

Steghide è un programma di steganografia che è in grado di nascondere i dati in vari tipi di immagini e file audio. Il campione non viene modificato rendendo il file resistente contro i test di primo ordine statistico.

Per installarlo avviamo il terminale e digitiamo:

sudo apt-get install steghide

Per nascondere quindi un file di testo in un’immagine basta entrare col terminale, nella cartella che contiene i nostri 2 files e digitare:

steghide embed -cf immagine.jpg -ef testo.txt

Il programma ci chiede una password che non dobbiamo dimenticare ed inserisce i dati contenuti nel file di testo all’interno dell’immagine.

Per estrarre il testo contenuto nell’immagine bisogna digitare nel terminale:

steghide extract -sf immagine.jpg

Il programma chiede la password ed estrae il file di testo nella stessa cartella e con lo stesso nome.

Se avete ricevuto un’immagine (per esempio minny.jpg) contenente un testo nascosto e volete avere qualche informazione su di esso prima di estrarlo, digitate il comando:

steghide info minny.jpg

Se non ci piace utilizzare il terminale e vogliamo usare la modalità grafica useremo Pysteg.

Per utilizzare PySteg avviamo il terminale e digitiamo:

sudo apt-get install steghide python-gtkmozembed python-vte python-configobj

Poi bisogna scaricare il pacchetto tar.gz dal link github in basso:

https://github.com/vkolev/pySteg

quindi estrarlo con:

tar xvzf ./pySteg1.1.0.tar.gz

oppure con un clic destro sul file e scegliere estrai qui

Una volta entrati nella cartella in cui è stato estratto l’archivio

cd pySteg

per avviare il programma basta digitare nel terminale

python ./pysteg.py

Oppure createvi un lanciatore sulla scrivania.

Home


Dic 09 2011

Recuperare i file cancellati con Foremost

Category: Linux,Ubuntuadmin @ 05:42

Foremost è un programma che si utilizza da terminale e che permette di recuperare molti tipi di file cancellati da una partizione, un disco rigido o una memoria esterna.

Per installare Foremost avviamo il terminale e digitiamo:

sudo apt-get install foremost

Cercate il device del dispositivo dove volete recuperare i file cancellati,avviamo il terminale e digitiamo:

sudo fdisk -l

vi verrà stampata a video la lista dei dispositivi collegati al vostro pc. Nel mio caso ho cercato di recuperare le immagini da una memoria usb il cui device era /dev/sdb1.

Nella prova ho fatto analizzare il dispositivo /dev/sdb1 ed ho salvato i file recuperati in /home/ps3/Scrivania/recupero. Per avviare la scansione avviamo il terminale e digitiamo:

sudo foremost -i /dev/sdb1 -o /home/ps3/Scrivania/recupero

Terminata la scansione, la cui durata dipende dalla dimensione del supporto da analizzare, troverete nella cartella dei file recuperati, nel mio caso in “recupero”, tante cartelle i cui nomi corrispondono alle estensioni dei file recuperati. Nella stessa cartella, all’interno del file audit.txt, troverete l’elenco di tutti i file recuperati suddivisi per estensione.

Se volete recuperare solo un determinato tipo di file, per esempio solo i file .doc, il comando è sempre lo stesso di prima ma viene aggiunto -t seguito dall’estensione dei file da recuperare, avviamo il terminale e digitiamo:

sudo foremost -t doc -i /dev/sdb1 -o /home/ps3/Scrivania/recupero

Altra procedura è quella di creare un immagine della partizione che desideriamo esplorare avviamo il terminale e digitiamo:

dd if=/dev/sdb1 of=partizione.img

A questo punto lanciamo foremost da terminale:

foremost -t jpg,bmp -o recover -i partizione.img

Analizziamo il comando: sostituiamo a jpg,bmp i formati dei files che ci interessano (un elenco completo dei formati riconosciuti lo troviamo nel man page del software : man foremost ); sostituiamo recover con il nome della cartella in cui vogliamo che siano messi i files recuperati.

Homepage


Pagina successiva »
SiteLock